Consigli sulla gestione del denaro per aspiranti ex incompetenti

Hai mai vissuto la situazione in cui per l’ennesima volta arrivi alla fine del mese in preda a frustrazione e preoccupazioni a causa del saldo del conto corrente prossimo allo zero?

Io si, in passato più di una volta e in quei momenti mi ponevo sempre le stesse domande:

 

Guadagno bene, dove cavolo mi vanno a finire i soldi?!

Non ho fatto spese stravaganti, per quale motivo non riesco a schiodarmi da questa situazione finanziariamente incerta?

Come accidenti fanno quelle persone che riescono a creare piccole (a volte grandi) fortune?

 

In cerca di soluzioni ho iniziato ad indagare, assistere ad eventi di formazione e a leggere sull’argomento della gestione del denaro.

Ci tengo a sottolineare che non sono un professionista in questo ambito, la mia intenzione è condividere un’esperienza personale che spero possa esserti utile e tal proposito voglio confidarti un’informazione preziosa per iniziare a ottenere i risultati che desiseri nella gestione del proprio denaro.

…Il PRIMO ASPETTO da verificare e sistemare è il CASHFLOW che deve avere valore positivo…

L’affermazione precedente è la prima indicazione fornita da vari esperti del settore con i quali sono venuto in contatto direttamente o indirettamente in diverse occasioni. Cashflow tradotto letteralmente significa “flusso del denaro” quindi ecco il primo segreto per migliorare le proprie finanze:

 

I soldi che ti entrano nelle tasche ogni mese devono essere più di quelli che escono!

Scontato vero? Sono d’accordo, non era difficile. Adesso viene la domanda più importante… Lo stai facendo?

Stai tenendo sotto controllo le tue entrate e le tue spese?

Se ti chiedessi quanto guadagni ogni mese sicuramente risponderesti senza difficoltà e se invece chiedessi quanto e in cosa spendi?

All’ultima domanda la maggiorparte delle persone (io compreso fino a qualche tempo fa…) non sa rispondere e questo è uno dei primi aspetti da sistemare.

 

Cosa fare in pratica per sanare le proprie finanze?

Primi passi per iniziare a migliorare la propria situazione finanziaria:

  1. Misurare i flussi economici (entrate / uscite)
  2. Fare in modo che la differenza tra le entrate e le uscite mensili dia un risultato positivo
  3. Individuare passivi o spese ricorrenti (finanziamenti, mutui, abbonamenti, …)
  4. Stabilisci preventivamente come utilizzerai il tuo denaro
  5. Utilizzare il proprio denaro per acquistare attivi, non passivi

 

1 – Misurare i fussi economici

Consiste nel registrare le entrate (es. stipendio) e le uscite (spese di vario genere). E’ il primo passo ed è fondamentale per prendere coscienza di come utiliziamo il denaro, quali errori commettiamo abitualmente e come fare scelte più produttive.

Lo si può fare in vari modi, io utilizzo il software GnuCash gratuito e molto completo per la gestione delle finanze personali e un’applicazione omonima per smartphone che mi consente di registrare immediatamente entrate e spese nell’arco della giornata.

Altra applicazione che non ho mai testato personalmente ma so essere molto semplice ed intuitiva è MoneyPro.

 

2 – La differenza tra entrate ed uscite mensili deve dare risultato positivo

Ora che sappiamo come spendiamo il nostro denaro ogni mese vogliamo capire come mantenere positiva la differenza tra entrate ed uscite mensili.

La prima strategia è ridurre le uscite eliminando spese non necessarie.

Se non è sufficiente o comunque vuoi risultati maggiori puoi incrementare le entrate. Si può fare in tanti modi, per esempio dedicando più ore al proprio lavoro oppure affiancando a quest’ultimo altre attività che comportino una remunerazione.

 

3 – Individuare passivi o spese ricorrenti

Altri costi ancora più dannosi sono quelli che vengono definiti “passivi” ossia costi ricorrenti come per esempio finanziamenti, mutui, prestiti, abbonamenti, ….

Un ottimo consiglio è evitare di fare altri debiti fino a quando non hai saldato quelli attualmente in essere.

Lo so, è un suggerimento ovvio, diventa meno ovvio quando vedi il nuovo modello di televisore che puoi portarti a casa pagando comode rate oppure quel divano in offerta che starebbe tanto bene in salotto al posto di quello che c’è attualmente e fai una spesa che puoi attualmente permetterti solo perchè puoi dilazionare il pagamento.

… quello che stabilisce quali risultati ottieni nella vita  NON  E’  COSA  SAI  MA  COSA  FAI  CON  QUELLO  CHE  SAI.

 

4 – Stabilisci preventivamente come utilizzerai il tuo denaro

Ognuno deve fare fronte a spese abituali e necessarie, a volte a spese non previste e a spese legate ad interessi o passioni.

Per evitare sorprese l’approccio più efficace è decidere in anticipo quanto denaro possiamo destinare ai vari ambiti e rispettare il programma.

Esempio: Sono un libero professionista single con la passione per wellness e viaggi? Bene, del 100% delle mie entrate mensili decido di destinare:

  • 7,5% al benessere (abbonamento in palestra ed integrazione)
  • 10% alla crescita professionale e personale (libri, corsi e costi annessi, …)
  • 7,5% al divertimento e hobbies (uscite con amici, cinema, …)
  • 10% ai viaggi
  • 5% agli imprevisti
  • 10% piano d’accumulo
  • 20% alle imposte sul reddito
  • 30% alle spese quotidiane

Accantonare una parte delle entrate per eventuali imprevisti futuri è una scelta intelligente. Gli imprevisti sono tali non perchè non sappiamo se si verificheranno ma perchè NON SAPPIAMO QUANDO si verificheranno.

Sicuramente prima o poi si presenteranno situazioni difficili da risolvere e, molto probabilmente, avere a disposizione denaro ci semplifica la vita in tali frangenti.

 

5 – Utilizzare il proprio denaro per acquistare attivi, non passivi

In parole semplici diciamo che compri un attivo quando utilizzi il tuo denaro per creare le condizioni che ti consentiranno nel tempo di guadagnare più di quanto hai speso.

Voglio che sia chiaro, NON STO SUGGERENDO INVESTIMENTI DI ALCUN TIPO. L’esempio che segue ha esclusivamente la finalità di chiarire il concetto precedente. Diciamo che se utilizzi il tuo denaro per acquistare un garage da mettere in affitto che ti consente nel tempo di incassare una cifra superiore a quella spesa allora hai comprato un attivo.

Il primo ATTIVO che consiglio di acquistare sulla base della mia esperienza personale è la FORMAZIONE!

Investire in libri, corsi, eventi dove puoi accrescere le tue conoscenze ed incontrare persone che stanno ottenendo i risultati che vorresti ottenere anche tu.

Vuoi sapere perchè la formazione è il primo investimento da fare? Hai mai sentito la frase:

… per avere successo devi ESSERE NEL POSTO GIUSTO AL MOMENTO GIUSTO …

Io si e ho scoperto nel tempo che è corretta ma incompleta. L’affermazione completa è:

… per avere successo devi essere LA PERSONA GIUSTA nel posto giusto al momento giusto …

In passato mi sono capitate occasioni che se avessi colto avrebbero fatto la differenza, purtroppo non ho saputo riconoscerle o mi sono fatto frenare da emotività mal gestita per mancanza di competenze ed informazioni.

Se fai mente locale probabilmente è capitato anche a te, in genere sono quegli avvenimenti ai quali ripensi iniziando con: “…. ah se solo quella volta avessi fatto una scelta diversa ….”.

 

In conclusione…

Spero di averti dato spunti di riflessione ed alcune idee interessanti, indubbiamente l’argomento è molto vasto, puoi trovare riferimenti a letture ed eventi che consiglio nella sezione risorse.

Hai trovato utili queste informazioni? Condividile:

Posted by Righi Mirco

Lascia un commento

Cliccando sul tasto “Submit Comment” dichiari di accettare i “Termini di utilizzo”, nonché di avere almeno 18 anni e di acconsentire al trattamento dei tuoi dati personali per il servizio “Commenti”, come indicato nella “Informativa privacy”.